Le Terre di San Valentino

Le terre di San Valentino, un festival nato per celebrare le tradizioni umbre.

Le Terre di San Valentino

Terni non è solo la città dell'acciaio ma anche dell'amore, perché proprio in queste terre nacque il suo patrono San Valentino, il protettore degli innamorati.

Per i festeggiamenti del Santo, la città di Terni offre una settimana ricca di eventi.

Primo fra tutti il "Cioccolentino", giunto alla sedicesima edizione, che celebra la festa degli innamorati nel segno del cioccolato.

Grande novità di quest'anno è la nascita di un festival che racchiude tutte le manifestazioni in programma: "Le Terre di San Valentino".

Vedrete le vie del centro storico accogliere vari stand che farrano conoscere le tradizioni della terra umbra, attraverso prodotti tipici locali come l'olio, i vini, i salumi e i formaggi.

Il programma è denso di appuntamenti, ed è fatto su misura per adulti e bambini.

Ci saranno mostre, show cooking, degustazioni e laboratori di cucina per i più piccoli.

Per conoscere le Terre di San Valentino, sono state organizzate delle visite guidate con due percorsi: "la Terni romana" e "le sette chiese".

Grazie ad un bus turistico si potrà visitare Narni, la Cascata Marmore per poi proseguire alla volta di alcuni borghi della Valnerina come Arrone e Ferentillo.

 

Ma siete curiosi di sapere qualcosa in più sul Santo dell'amore?

San Valentino nacque nel 175 d.C. a Terni, allora "Interamna Nahars" e fu il primo vescovo della città. La sua vita si contraddistinse per un particolare zelo pastorale, per una grande umiltà e carità.

Compì un importante miracolo guarendo il figlio di Cratone, il quale soffriva di una malattia che gli impediva di camminare. Grazie a questo miracolo molte anime si convertirono alla fede Cristiana.

Questa conversione di massa venne mal vista dal Senato Romano, tanto che arrestarono il Santo per poi giustiziarlo nella notte del 14 febbraio 273 d.C. sulla via Flaminia.

Il corpo fu ritrovato da alcuni suoi discepoli e deposto appena fuori dalla città di Terni, dove oggi sorge la Sacra Basilica a lui dedicata.

 

Attorno alla figura del Santo ci sono varie leggende.

Qui vi racconto la più famosa, quella dei giovani Sabino e Serapia.

Serapia abitava in una piazza di Terni (l'attuale Piazza Clai) e Sabino, che era un centurione romano , passava tutti i giorni da quelle parti e vedendola se ne innamorò.

Il giovane la chiese quindi in sposa ma i genitori di lei erano contrari a queste nozze perché Sabino non era Cristiano.

Allora spinto da Serapia, il centurione ne parlò con il vescovo Valentino che lo istruì e lo battezzò.

Ma non fu così semplice, perchè si scoprì poi che la giovane Serapia era molto malata e stava per morire. Così venne chiamato il vescovo al capezzale della moribonda e Sabino lo supplicò di non permettere che si separasse dalla sua amata. Valentino, quindi, si raccolse in preghiera ed il sonno eterno abbracciò i due amanti, che da allora non si sono più separati.

 

Curiosità:

Questa leggenda era quasi stata dimenticata fino a quando, nel secolo scorso, a Terni, in località Pentima, non fu rinvenuto un sarcofago con dentro gli scheletri di due giovani. Il pensiero andò subito a Serapia e Sabino.

 

Buona festa dell'amore!

Articolo di Valeria Temperoni @postcardsfrommyheart__

Image